giovedì 21 aprile 2016

21 aprile 2016, 2769° Natale di Roma: un buon giorno per iniziare a parlare delle prossime elezioni di Roma


Elezioni Comunali 2016



LETTERA APERTA

    ai Cittadini
    ai Candidati Sindaco
    ai Candidati Presidente di Municipio
    di Roma Capitale


    La campagna elettorale a Roma è già in corso e il nostro Comitato vuole richiamare l’attenzione di tutti, su un tema fondamentale: la partecipazione dei Cittadini alla gestione della Cosa Pubblica così come abbiamo già fatto nel 2013 rivolgendosi pubblicamente ai Candidati di allora e successivamente scrivendo 5 lettere aperte al Sindaco Marino, che non ha mai risposto.

    Roma è in condizioni tragiche, qualcuno ha parlato di “decomposizione della Città”, non ha risorse finanziarie e la politica, tutta la politica, attraversa una grave crisi che non rende credibile una sua autorigenerazione in tempi accettabili.

    L’unica vera risorsa disponibile sono i singoli “Cittadini” e le loro associazioni e comitati: Roma ha un numero infinito di persone di buona volontà, di anticorpi, migliaia di cittadini che si impegnano nel tentativo di cambiare le cose per invertire il processo di disfacimento che ha colpito da tempo la città.

    Molte di queste realtà sono portatrici di saperi, idee, proposte valide ed importanti ma tutte, o quasi tutte, le loro iniziative si inceppano, sono bloccate dall'impossibilità di essere ascoltati dalla P.A. e dalla Politica.

    Solo la partecipazione, il coinvolgimento dei cittadini nella gestione della Cosa Pubblica attraverso  l’integrazione  della  democrazia  rappresentativa  con  forme  di  democrazia 
    deliberativa e la gestione dei beni comuni può riavvicinare i cittadini agli Amministratori Pubblici, può mettere in moto quel processo virtuoso necessario, indispensabile, alla rinascita della Città.

    Si  tratta  di passare  ad un livello di  democrazia superiore, più  maturo e  pervasivo, basato
    appunto sulla partecipazione dei cittadini, ovviamente nel rispetto delle regole e dei ruoli di ognuno:

    • Ai Cittadini il diritto di essere informati con chiarezza e trasparenza, di essere ascoltati, di poter avanzare proposte, richieste, progetti, di poter esercitare un controllo
    • Agli Eletti ed alla P.A. l'onore e l'onere di gestire, di scegliere ed assumere decisioni motivate.
    La partecipazione non è lobbismo, non è assemblearismo, non è contrattazione di vantaggi individuali o di gruppo, non è scontro di posizioni.

    La partecipazione è informazione trasparente, è presa di coscienza, è assunzione di responsabilità, è analisi degli interessi per aumentare il numero delle soluzioni adottabili.

    La partecipazione è confronto basato sull’ASCOLTO di tutti partendo dall’assunto che l’altro ha le sue ragioni. Bisogna passare dal confronto oppositivo, applicato oggi, al confronto di tipo dialogico, basato sull'ascolto.

    Nella nostra società attuale multiculturale, globalizzata, le minoranze non accettano più di essere ignorate e si oppongono, rifiutano le decisioni prese contro di loro creando gravi problemi a tutta la gestione politico-amministrativa della “Cosa Pubblica”. Sono molto note due frasi legate alla resistenza messa in atto dalle minoranze che ritengono di essere state escluse dai processi decisionali: 
    • “NON NEL MIO CORTILE” (conosciuta come sindrome NIMBY – Not In My Back Yard).
    • “NIENTE PER NOI SENZA DI NOI” (nothing for us without us).
    Solo con la partecipazione basata sull'ascolto, sul confronto dialogico e non oppositivo, si può pensare di costruire il "nuovo" che tutti auspicano ma che nessuno sa esattamente cosa sia e dove cercarlo.

    Si tratta di una grande rivoluzione culturale che richiederà tempo ed impegno. 
    Ma anche regole. 

    All'estero, soprattutto nel mondo anglosassone, ma anche in Germania, nell'Europa del nord da almeno trent'anni la democrazia rappresentativa è integrata da forme di democrazia deliberativa e partecipativa e sono state messe a punto e sperimentate metodologie, strumenti, formule per guidare il confronto, il dialogo, la ricerca di soluzioni condivise tra i cittadini (Indaba, OST – Open Space Technology, World Cafe, ETM – Electronic Town Meeting, Confronto Creativo, ecc.) ed è nata la figura del “facilitatore” che ha il compito di guidare da terzo il dibattito facendo parlare tutti.

    Anche in Italia ci sono esperienze di cui però non si parla

    Gli strumenti ci sono, le esperienze pure, le proposte non mancano e quindi NOI CHIEDIAMO E DICIAMO:

    AI CITTADINI
    • di sostenere la richiesta che la politica si apra alla loro partecipazione e che i Candidati Sindaco e Presidenti di Municipio dichiarino se intendono confrontarsi con i cittadini, in nome dei quali dicono di operare, impegnandosi ad avviare nella Città e nei Municipi un processo partecipato per la stesura dei regolamenti che dettino le modalità seguendo le quali si possa essere ascoltati non per graziosa concessione ma per diritto.
    A TUTTI I CANDIDATI
    • che la partecipazione non indebolisce la loro autorevolezza, la rafforza.
    • che la partecipazione non è una perdita di tempo né un allungamento dei tempi perché le soluzioni concordate e condivise eliminano i tempi ben più lunghi dei ricorsi al TAR e al Consiglio di Stato.
    • che la partecipazione facilita le scelte, l’individuazione delle priorità, responsabilizza i cittadini, aumenta il controllo, riduce la discrezionalità, combatte la corruzione, migliora i risultati.
    AI CANDIDATI SINDACO
    • chi di loro accetta il confronto con i cittadini e si impegna ad adottare la Delibera sulla partecipazione civica nella prima riunione della prossima Giunta comunale e di portarla concretamente dal Consiglio all’attuazione nei primi 6 mesi del nuovo mandato.
    AI CANDIDATI A PRESIDENTE DI MUNICIPIO
    • chi di loro accetta il confronto con i cittadini e si impegna, nell’ambito delle proprie responsabilità territoriali, a promuovere la partecipazione nei termini richiesti ai Candidati Sindaco.
    Il Comitato Rinascimento di Roma svolge un ruolo trasversale di promozione della partecipazione nelle forme della democrazia deliberativa e partecipativa e non è impegnato direttamente nel sostegno di partiti e/o candidati.

    Questa lettera aperta oltre ad essere pubblicata sul nostro sito Internet e sui blog/siti con i quali collaboriamo verrà pubblicizzata anche attraverso mailing e soprattutto verrà inviata a tutti i candidati.

    L’elenco nominativo di tutti i candidati verrà pubblicato con la risposta o la mancata risposta degli stessi alla nostra domanda sulla partecipazione.









    Per il Comitato: Isabelle Caillaud, Maurizio Colace, Giovanni Creton, Corrado Cutrufo, Patrizia Deitinger, Elisabetta Di castro, Lanfranco Scalvenzi, Pierluigi Sorti.