domenica 22 dicembre 2013

Succede nel PD di Roma Capitale [Dedicato a chi crede ancora a Babbo Natale]

Riceviamo da CARTEINREGOLA e volentieri pubblichiamo:


 Il PD vota insieme al centrodestra  un emendamento che proroga una delibera che permette di realizzare nuove edificazioni  prima di aver completato le opere di urbanizzazione, contro il parere dell'assessore alla Trasformazione Urbana Caudo. Un nuovo  schiaffo all’Assessore e al Sindaco Marino.

Sicuramente il Parlamento ha molte questioni importanti di cui occuparsi, e il Partito Democratico ancora di più, ma ogni tanto dare un’occhiata a quanto succede nell’Aula Giulio Cesare aiuterebbe molti eletti dal popolo della sinistra (con l’eccezione di quanti arrivano dall’assemblea capitolina, si intende) a capire il profondo scoramento che provano molti cittadini romani che ancora sperano in un qualche cambiamento. 

Non verso “un mondo migliore”, a cui ormai non crede più nessuno, ma almeno verso il rientro in un  minimo sistema di regole, che  facciano  di Roma una  città degna di non sfigurare davanti alle altre capitali europee.
Cambiamento che nonostante una certa dose di buona volontà del Sindaco Marino  e dei suoi assessori, continua ad essere sistematicamente boicottato da buona parte della maggioranza capitolina, che non si preoccupa neanche di salvare le apparenze. 

domenica 24 novembre 2013

La partecipazione che vorrei

Lunedì 11 novembre abbiamo partecipato come Delib e Rinascimento di Roma alla presentazione del volume “DEMOCRAZIA EMERGENTE” organizzata nell’Aula Magna del Dipartimento di Architettura dell’Università Roma 3.


Una bella manifestazione alla quale hanno partecipato moltissime associazioni e tanti comitati di Roma per discutere della partecipazione dei Cittadini alla vita della Città e dei territori ad essa collegati.

lunedì 28 ottobre 2013

Sindaco e maggioranza capitoline: pace armata



L’amministrazione guidata dal Sindaco Marino si è insediata da poco più di quattro mesi e quindi è assolutamente prematuro parlare di bilanci ma….


Ma qualche cosa pare non andare per il verso giusto: la grave crisi finanziaria e debitoria che affligge la città, i tanti problemi irrisolti del passato, alcune scelte del Sindaco e della nuova Giunta hanno creato un clima di scontro in seno alla stessa maggioranza e la situazione è aggravata da un’opposizione che, ovviamente, fa l’opposizione.  

mercoledì 9 ottobre 2013

Nel vortice debitorio capitolino (*)


Succede davvero di tutto, in questo nostro Paese.  Specie in Roma Capitale, che, distinguendosi da tutte le altre capitali del Globo, di tale dignità istituzionale (quella appunto di “Capitale”) ha scelto, incomprensibilmente, di fregiarsi ufficialmente.

E’ infatti accaduto, in data 3 ottobre, che si sia svolta in Campidoglio, per iniziativa del sindaco Marino, una riunione congiunta fra consiglieri comunali e parlamentari romani, di entrambi gli schieramenti politici, allo scopo di far fronte all’emergenza di un bilancio (da tempo) non lontano dal default.

giovedì 4 luglio 2013

Caro Sindaco

Dopo la pubblicazione della nostra "DICHIARAZIONE D'INTENTI / MANIFESTO" abbiamo inviato al Sindaco Marino la seguente lettera per richiedere un incontro.

* * *


Caro Sindaco,

la Sua elezione a Primo Cittadino e la costituzione della Giunta hanno rappresentato i primi passi di un lungo cammino ed ora si entra nel vivo dei problemi: sarà una lunga marcia, probabilmente a tappe forzate, vista la dimensione del lavoro da impostare e realizzare, e noi vorremmo poterla fare al suo fianco.

Siamo un gruppo di cittadini che non si accontentano di partecipare al voto ogni tanto, ma pensano che sia necessario dare anche un contributo quotidiano alla definizione degli indirizzi di gestione della cosa pubblica. Pensiamo che questo sia il modo di rispondere alla crisi della democrazia rappresentativa che si concretizza in diverse forme, la prima delle quali è la disaffezione al voto evidente anche nelle ultime elezioni comunali. Abbiamo poi una perenne carenza di risorse che penalizza qualsiasi volontà di buona amministrazione: noi pensiamo che decidere insieme aiuti a decidere meglio e quindi utilizzare al meglio le scarse risorse disponibili. Per questo siamo dell'idea che l'introduzione di alcuni strumenti di democrazia deliberativa possa aiutare il Comune e i Municipi, non solo a decidere con maggiore cognizione di causa, ma soprattutto a recuperare il consenso e la partecipazione dei cittadini.

lunedì 1 luglio 2013

Rinascimento di Roma: MANIFESTO




VOGLIAMO LA RINASCITA
DELLA NOSTRA CITTA'


DICHIARAZIONE D’INTENTI / MANIFESTO

Al Sindaco di Roma, Ignazio Marino
Ai Presidenti dei Municipi
Ai cittadini di Roma Capitale
Al mindo associazionistico della città di Roma

 
RINASCIMENTO DI ROMA è un manifesto che ci siamo dati per tracciare una strada che i cittadini romani, giustamente esigenti, devono percorrere, in accordo con il Sindaco, e con i Presidenti dei Municipi, con il coinvolgimento delle Università, del CNR e degli altri Enti Pubblici di Ricerca, per delineare un nuovo volto di Roma Capitale. 

Capitale d'Italia naturalmente, ma anche una delle grandi città del mondo: perchè Roma contiene uno Stato a capo della cristianità e perchè è sede di un gran numero di beni archeologici e culturali, attraverso i quali è possibile ricostruire storia e identità della nostra civiltà e di quelle che l'hanno preceduta, più che in altre città del mondo. 

Pensiamo che utilizzando gli strumenti della democrazia deliberativa, in totale autonomia, e d'accordo con il Sindaco, un congruo numero di cittadini, aiutati da esperti messi a disposizione dalle Università, dal CNR, dagli EPR possano essere messi in grado di discutere e formulare delle proposte per rendere Roma una città ancora più bella di oggi, più vivibile, più sicura, più a misura di uomo, donna, bambino, anziano, portatore di handicap, più accogliente per migranti e turisti, più scorrevole e meno caotica, più attrezzata sul piano culturale, più verde. 

L'alto astensionismo alle ultime elezioni amministrative potrebbe in questo modo ricevere una risposta positiva rafforzando la democrazia rappresentativa. Le proposte dovranno tenere conto ovviamente delle compatibilità di bilancio e della necessità di un rapporto più snello con le burocrazie ed inaugureranno un nuovo rapporto tra i Cittadini e l’Amministrazione capitolina basato sulla fiducia e su una possibilità di partecipazione dei cittadini, mai sperimentata prima di ora, alla definizione delle scelte amministrative. 

Al Sindaco ed agli Amministratori diciamo che le risorse umane rappresentate dai cittadini sono una ricchezza quantomeno pari alle risorse finanziarie, che da tempo, come sappiamo bene, tendono a scarseggiare. 

Ignorarle sarebbe una tragica manifestazione di autolesionismo. Quindi i cittadini organizzati, a partire dal nostro Comitato Provvisorio, che col tempo si amplierà coinvolgendo anche associazioni che si pongano gli stessi obbiettivi trasversali e non di parte, in uno stretto rapporto, e previo gradimento del Sindaco, cominceranno a lavorare per produrre un complesso di proposte insieme a Università, CNR e EPR, che dovranno fornire servizi di tutoraggio. Una volta definita la proposta il Sindaco avrà la possibilità di esaminarla, eventualmente insieme al Consiglio Comunale ed ai Presidenti dei Municipi e, successivamente, potrà indire gli Stati Generali della Città. 

Pensiamo a un percorso virtuoso, che abbia tempi ragionevoli e che potrebbe segnare positivamente l'attività di questa amministrazione, distinguendosi radicalmente dalle amministrazioni precedenti proprio sul terreno sul quale la nostra democrazia rappresentativa oggi è più debole: la partecipazione dei cittadini alla definizione delle scelte pubbliche ed ai processi di verifica. 

Alla fine di questo percorso infatti, proponiamo che si costituisca un rapporto permanente tra amministrazione comunale ed organizzazioni della società civile regolato da norme da inserire nella Carta della Città. Ciò che proponiamo andrà a vantaggio di tutta la città e dei cittadini che la abitano e la frequentano per ragioni di lavoro, o turistiche. Non vogliamo privilegiare idee di parte ne conquistarci rendite di posizione, ma solo svolgere una funzione di servizio nell'interesse di tutti.


COMITATO PER GLI STATI GENERALI DI ROMA
I membri pro tempore:
AnnaMaria Addante, Isabelle Caillaud, Letizia Ciancio, Elvio Cipollone, Maurizio Colace, Carlo Michele Cortellessa, Giovanni Creton, Patrizia Deitinger, Elisabetta Di Castro, Claudio Falasca, Graziella Falconi, Leonardo Loprete, Mario Monge, Michele Petrucci, Lanfranco Scalvenzi, Pierluigi Sorti, Elisabetta Tonni.

Gruppi Promotori:

ASSOCIAZIONE INQUILINI E PROPRIETARI IACP-ATER-ERP
DELIB – ASSOCIAZIONE PER LA DEMOCRAZIA DELIBERATIVA
IN CIELO E IN TERRA
INSIEME X

Sottoscrivi questa proposta e diffondila: FIRMA QUI

domenica 2 giugno 2013

Elezioni di Roma: verso il ballottaggio

AI CANDIDATI SINDACO DI ROMA

Facciamo seguito ai contatti già intercorsi per confermare il nostro impegno per le richieste ed il progetto chiamato "Rinascimento di Roma".

L'astensione dal voto registrata nel turno elettorale del 26 e 27 maggio u.s. ci ha rafforzato nel convincimento che sia estremamente importante, determinante, riuscire a coinvolgere i cittadini nella gestione della Città stendendo e codificando le regole che permettano ciò.

mercoledì 22 maggio 2013

Lettera aperta ai nostri sostenitori

Carissime e carissimi,

la mancanza di tempo ci ha impedito di scrivere prima di ora soprattutto per ringraziarvi della vostra firma a sostegno della proposta "Rinascimento di Roma".

Il primo turno delle elezioni comunali si avvicina ma il nostro impegno non è ancora terminato, anzi.

venerdì 10 maggio 2013

Incontro con i candidati Sindaco

A margine di un recente incontro organizzato dall'Istituto di Architettura con  alcuni  candidati a  Sindaco di Roma  alle prossime elezioni di fine maggio, alcuni  rappresentanti  del  nostro  Comitato  hanno  potuto  avvicinare l'ing. Alessandro Bianchi,  l'Avv. Marcello De Vito,  il  Sen. Ignazio Marino ed un rappresentante di Sandro Medici, Lorenzo Romito, per consegnare la proposta "Rinascimento di Roma".
Come l'Ing. Bianchi, che ci aveva già contatto via e-mail per condividere la nostra iniziativa, anche gli altri 3 candidati si sono dimostrati interessati all'iniziativa stessa e siamo ora in attesa di una loro riconoscimento ufficiale.

domenica 5 maggio 2013

Prima adesione

Ringraziamo il prof. Alessandro Bianchi che, primo tra i 18 candidati Sindaco di Roma Capitale, ha aderito alla proposta "Rinascimento di Roma" con la seguente e-mail:

venerdì 3 maggio 2013

Rinascimento di Roma

Elezioni comunali 2013



VOGLIAMO RISCRIVERE ROMA 

VOGLIAMO LA RINASCITA 
DELLA CITTÀ’



 LETTERA APERTA / PROPOSTA





· Ai candidati a Sindaco di Roma Capitale
· Ai cittadini di Roma Capitale


Roma è una città allo sbando: degradata ad una enorme e triste periferia, che sembra non avere più la forza di desiderare un cambiamento che la porti ad essere ciò che in parte è già stata: una grande capitale d'Europa e del mondo. Serve un cambiamento radicale. Politico e culturale.

Una delle più belle città del mondo è ridotta al collasso schiacciata da un debito di dimensioni colossali.
Ciò che più inquieta è che la cifra è indefinita: 12, 15 o più miliardi di Euro ?!  (* VEDI SOTTO)
Una minaccia che pende sul capo di tutti i contribuenti. Una responsabilità in più per l'attuale amministrazione.