mercoledì 29 ottobre 2014

Stati Generali dell'Antimafia


La terza edizione di CONTROMAFIE, gli Stati Generali dell'Antimafia, organizzati da LIBERA, si sono svolti a Roma dal 23 al 26 ottobre con una grandissima affluenza di persone.

Anche noi abbiamo seguito alcune fasi di questo evento che ha sicuramente una importanza enorme, fondamentale per la lotta ad ogni tipo di mafia.
 

Sono stati 4 giorni belli, appassionati, ricchi di informazioni e notizie che riescono a dare qualche luce e speranza a chi, impegnato a contrastare questo tragico fenomeno criminale, vede spesso solo cose negative.

Quattro giorni di impegno, di confronto e studio per fare il punto sulla lotta alle mafie e alla corruzione nei loro risvolti sociali, politici, economici e culturali: sei aree tematiche, 30 gruppi di lavoro con il contributo di oltre 200 relatori tra educatori, operatori sociali, magistrati, docenti universitari, forze di polizia, giornalisti, donne e uomini di cultura, imprenditori, rappresentanti di associazioni e sindacati. 


 Per approfondire l'argomento e saperne di più su questo evento clicca sui link seguenti:





giovedì 2 ottobre 2014

La Più Grande Marcia per il Clima di Sempre!




     La rete di 
     AVAAZ 
     per il clima




Lo scorso 21 settembre si è svolta in tutto il mondo, per iniziativa di AVAAZ, una giornata di mobilitazione globale contro il cambiamento climatico (Leggi post del 12/07 u.s.). 

Centinaia di migliaia di persone hanno marciato a New York ed in oltre 2000 altre città di tutto il mondo.
L’impresa sembrava impossibile ma cittadini e volontari di tutto il mondo, coordinati dalla rete di AVAAZ, hanno:

  • Realizzato la più grande mobilitazione per il clima di sempre, con 675mila persone per le strade di 162 Paesi!

  • Portato in strada il Segretario Generale dell’ONU, 18 ministri e un numero incalcolabile di altri politici.

  • Consegnato una petizione da 2,2 milioni di firme per chiedere il 100% di energia pulita ai leader di tutto il mondo.  

  • Incontrato i ministri per il clima e l’energia di Francia, Germania, Brasile e Regno Unito.