domenica 25 gennaio 2015

... ed ora la "PARTECIPAZIONE"



Per un 2015 di rinascita!


Lettera aperta al Sindaco Marino 
(e ai Cittadini Romani)



Caro Sindaco,

Come ricorderà il nostro comitato aveva proposto nella primavera del 2013 a tutti i Candidati alla carica di Primo Cittadino una forte iniziativa per costruire una grande partecipazione dei Cittadini alla gestione della “COSA PUBBLICA”.

Dopo la Sua elezione a Sindaco abbiamo pubblicato una nostra “DICHIARAZIONE DI INTENTI / MANIFESTO” che indicava un percorso per realizzare questa partecipazione e le abbiamo anche inviato una lettera per richiedere un incontro ed approfondire la proposta di scrivere insieme, Cittadini, Lei e l’Amministrazione tutta, una “Carta della Città” che definisse le regole per realizzare la partecipazione.

Questa nostra richiesta/ proposta nasceva dalla constatazione che la nostra Roma si trovava e si trova in una situazione grave, dovremmo dire tragica, sotto tutti i punti di vista: amministrativo, finanziario, organizzativo, morale, ecc.

Dal Suo insediamento sono passati 19 mesi e i cittadini non paiono percepire miglioramenti dello stato generale della città né tantomeno si percepisce in modo chiaro lo sforzo, il lavoro, l’attività che la Sua Giunta produce. Anzi il quadro politico si è deteriorato e in molti auspicano nuove elezioni.

Convinti che nuove elezioni non sarebbero una soluzione giusta, che questa scelta comporterebbe una grande perdita di tempo e di risorse finanziarie per un falso rinnovamento, falso perché pilotato dalle stesse persone che ci hanno condotto a questo sfacelo, abbiamo deciso di riscriverle.

Questo ci sembra il momento giusto perché si sono attenuati gli schiamazzi scomposti di chi ha invocato le Sue dimissioni con ragioni pretestuose che i recenti scandali legati all’inchiesta Mafia Capitale hanno portato alla luce.

In questi mesi noi non l’abbiamo disturbata convinti del fatto che Lei dovesse avere il tempo per conoscere, capire, approfondire dal di dentro i guasti della città, guasti che vengono da molto lontano e che richiedono soluzioni innovative, drastiche, per poter ricostruire un ambiente civile, democratico e trasparente.

Lei si è dimostrato fuori dal “sistema” e il sistema la combatte, vuole “rigettarla” e continuerà a farlo con tutte le sue forze.

Siamo convinti che l’unica possibilità di resistere, di dimostrare con forza, in modo credibile, la Sua estraneità alla “cultura” dominante che ci ha portato al disastro che abbiamo sotto gli occhi, di dimostrare concretamente la sua voglia di cambiare, di realizzare il Suo programma elettorale nel quale ha scritto ben 86 volte la frase “cambiamo tutto” sia legata al coinvolgimento dei cittadini, alla partecipazione dei cittadini alla gestione della “COSA PUBBLICA”.

Roma ha centinaia di associazioni, di comitati e tantissimi cittadini che sarebbero pronti a dare una mano per il bene della città. Si tratta di persone e iniziative trasversali, di tutti i colori politici che, ne siamo convinti, risponderebbero con entusiasmo se fossero “chiamate”.

E una sfida difficile, complicata, che verrà osteggiata con forza, ma crediamo che sia l’unica possibilità per cambiare il sistema.

La partecipazione e quindi il sostegno dei cittadini le darebbe la forza di portare avanti un programma di vere riforme ed il controllo che i cittadini metterebbero in atto l’aiuterebbero a non allontanarsi dal percorso virtuoso che serve alla città per rinascere.

Ora la prima mossa spetta a Lei.
E’ Lei che deve dare un forte impulso a questa richiesta e chiamare i cittadini alla partecipazione.


RINASCIMENTO DI ROMA
COMITATO PER GLI STATI GENERALI DI ROMA

Per il comitato: Maurizio Colace, Patrizia Deitinger, Lanfranco Scalvenzi, Pierluigi Sorti





Lista pubblicazione/diffusione: web, blog amici, stampa italiana/estera,

associazioni/comitati romani (651), indirizzario (4907)

Incontro con il Sindaco Marino

Questa mattina, domenica, abbiamo partecipato ad un incontro Cittadini - Sindaco Marino organizzato dal Circolo PD Trastevere.

Il nostro obiettivo era quello di poter consegnare direttamente nelle mani del Sindaco una nostra Lettera aperta indirizzata a Lui e alla Città (vedi post specifico). Il nostro ruolo di postini è stato coronato da successo ed abbiamo avuto il piacere di vedere Marino leggere il nostro scritto. Questo ovviamente non significa assolutamente niente, ma il primo passo è stato fatto.


Ci fa piacere aggiungere che l'incontro è stato partecipato e che è stato bello e molto interessante.

Ci sono stati circa una trentina di interventi di Cittadini, anche di altre zone della Città, che hanno posto molti quesiti: dalla trasparenza, la corruzione, i controlli sull'abusivismo, lo scandalo MafiaCapitale, insomma la legalità,  al decentramento amministrativo, la raccolta dei rifiuti, la mobilità, la riqualificazione e destinazione d'uso del Palazzo degli Esami e dell'ex Cinema America, l'epidemia di Capodanno dei Vigili Urbani, ecc .


Qui non possiamo fare la cronaca del dibattito ma possiamo dire che il Sindaco ha risposto in modo chiaro, ci sembrerebbe in maniera esaustiva, parlando a braccio ma dando anche dati e cifre.

Insomma abbiamo visto un Marino "smart" che, in termini calcistici, potremo definire ... "sulla palla".

giovedì 8 gennaio 2015

Il Decreto Fiscale di Natale






Lettera aperta

Al Presidente


MATTEO RENZI



Presidente Renzi,

quanto avvenuto a proposito del decreto fiscale, subito chiamato “salva Berlusconi”, ci ha lasciato allibiti, basiti, fortemente contrariati (come vede usiamo parole semplici, educate, non il turpiloquio come forse…).

Si dice che è stato un errore, una conseguenza non voluta ed inaspettata di una disposizione che nella sostanza sarebbe giusta e corretta. Lei, nel prendere le distanze dal fatto, ha dichiarato anche di essere sorpreso che una nuova legge possa modificare una sentenza, quella di condanna di Berlusconi, passata in giudicato, dimostrando così di non conoscere le line guida del diritto che qui riassumiamo per brevità con la citazione del “favor rei” e l’articolo 2 del Codice Penale.

Questi fatti fanno sorgere spontanee alcune considerazioni e domande, alcune forse in contrasto o contraddizione con altre, ma la soluzione di questi nodi non spetta a noi:
  • In un momento complesso e critico come quello attuale, che vede una sfiducia crescente dei cittadini verso le Istituzioni e una credibilità minima delle stesse, certi errori, o presunti tali, NON dovrebbero avvenire e sono inammissibili anche in presenza di un Diritto italiano sicuramente estremamente complesso, farraginoso, ricco di migliaia di leggi e leggine, spesso male impostate, che comportano decine e decine di collegamenti, eccezioni e richiami.

Je suis CHARLIE











Oggi alle 18 tutti a piazza Farnese in solidarietà con le vittime di Parigi e per la difesa della libertà di espressione e di informazione.

lunedì 5 gennaio 2015

Assenteismo dei VV.UU. a Capodanno: #noistiamoconclemente



Già diverse settimane fa, quando si parlò del Piano Anticorruzione e dell’avvicendamento periodico sul territorio dei Vigili Urbani noi ci trovammo a condividere l’iniziativa di CARTEINREGOLA ed altre associazioni a sostegno del Comandante del Corpo della Polizia Municipale invitando i nostri amici e sostenitori a firmare la petizione 

FIRMA QUI

Ora, dopo la clamorosa manifestazione di assenteismo dei Vigili la notte di Capodanno, non si sarebbero presentati in servizio l’83,5% di quelli previsti, ci vediamo costretti a ritornare sullo stesso tema rinnovando l’invito a tutti i cittadini a firmare la petizione di cui sopra.

Non mettiamo in dubbio che la Polizia Municipale possa avere delle difficoltà, tutta la Città e tutta l’amministrazione Capitolina arranca, e non abbiamo nessun motivo per accanirci su questa categoria di lavoratori ma non è accettabile, non è corretto, non è civile che persone chiamate a svolgere un incarico così delicato per la sicurezza dei cittadini e di Roma mettano in atto un comportamento come quello registrato la notte di Capodanno.

E troviamo squalificante che un sindacalista dei Vigili, non importa il nome né il sindacato, dichiari che quella percentuale dell’83,5% sia fisiologica dato il periodo invernale.