sabato 21 dicembre 2019

AUGURI, AUGURI, AUGURI, BUON NATALE E UN 2020 DI SPERANZA E PARTECIPAZIONE


Sono moltissimi anni, ma proprio molti, che si sente dire "siamo arrivati al fondo", "più in basso di così non si può" e poi ci siamo ritrovati sistematicamente più in basso, quasi a conferma dell'adagio popolare "peggio non è mai morto".

Ma dobbiamo essere ottimisti, aggrappiamoci all’inaspettato e incredibile fenomeno costituto dalle Sardine che in poco più di un mese, partendo dal 14 novembre, hanno riempito quasi 100 piazze italiane, 24 piazze all’estero, coinvolgendo quasi mezzo milione di persone.

Non lasciamo cadere questa cosa in cui possiamo essere tutti attori. Non stiamo alla finestra a guardare cosa accade, questo è il momento per muoversi, PARTECIPARE, farsi sentire, prendere entusiasmo, avere e dare fiducia e capire che il futuro è nelle nostre mani. 

Non lasciamoci fermare dagli scettici, dai pessimisti capaci solo di farsi domande inutili cercando motivi e scuse per non fare niente. Facciamo del 2020 l’anno del risveglio, della rinascita, di una ripartenza per tutto e per tutti.

Ricordate che è vero che il mondo va male non per quello che fanno i così detti cattivi, ma per quello che non fanno i buoni.




INFINITI E CARI AUGURI
A NOI (tutti) CHE E’ PATRIA IL MONDO,
COME AI PESCI IL MARE